Motosega elettrica: perché preferirla?

Scegliere la motosega giusta non è certo un compito facile. Questo, nonostante siano tutti utilizzati per il taglio. La ragione principale di questa difficoltà nella scelta dello strumento giusto risiede nella diversità di questi strumenti. Infatti, c’è la motosega elettrica e la motosega termica. Non è tutto, anche se hanno tutti la stessa funzione, possono essere diversi in termini di peso, capacità, livello di sicurezza e molti altri criteri.

ECHO CS 8002
Criteri per la scelta di una buona motosega elettrica

Per cominciare, è necessario avere una buona conoscenza di cosa sia una motosega elettrica. In linea di principio, questo tipo di motosega è ideale per lavori di sbavatura e taglio. Si differenzia da una motosega termica per una serie di caratteristiche molto particolari. Ad esempio, è più facile da avviare, poiché è alimentato da un motore e deve essere collegato alla rete elettrica solo per il funzionamento. Una motosega elettrica non richiede tanta manutenzione quanto un motore a combustione interna. Una volta che si è in grado di riconoscere la differenza tra i due tipi, il passo successivo è quello di determinare i giusti criteri di selezione.

Ci sono molti criteri che possono aiutare a determinare se una motosega elettrica è buona o meno. Questi includono il marchio del prodotto, la sua versione, le caratteristiche di sicurezza di cui l’unità è dotata, la sua lunghezza, la robustezza e il prezzo. Un altro punto da non trascurare sono le opinioni degli utenti.

Il marchio

Molti produttori di motoseghe elettriche si contendono la posizione di numero uno sul mercato. La motosega elettrica Bosch, ad esempio, è tra le più consigliate. Quest’ultimo ha la reputazione di essere facile da montare ed è meno rumoroso degli altri. La motosega Ryobi è anche uno dei migliori marchi per il taglio. È noto per il suo potente motore fino a 2300 Watt e per il sistema antivibrazione che non fa quasi alcun rumore. Per la motosega Makita è famosa per la sua precisione. Per non parlare della velocità e della qualità dei materiali.

La potenza della macchina

Sul mercato esistono diversi modelli di motoseghe elettriche, ma non tutte hanno la stessa potenza. Espressa in Watt, è un buon indicatore delle prestazioni dell’unità e un criterio di selezione chiave. Quindi non trascurarlo.

Quindi, la potenza scelta dipenderà dal lavoro di potatura da effettuare, tenendo conto delle dimensioni degli alberi, ma anche del loro numero. Se avete molti alberi di grandi dimensioni, optate per le potenti unità da 1500W. Altrimenti, una potenza media di 800 W sarà più che sufficiente.

La catena della motosega elettrica

La catena è probabilmente la parte più importante di una motosega. I modelli elettrici hanno 3 tipi di catena. Gli scalpelli sono rinomati per la loro efficienza. Tuttavia, sono considerati un po’ pericolosi e non sempre sono raccomandati, a meno che non siate già dei professionisti delle motoseghe. Infatti, se la lama fa un ritorno improvviso, potrebbe raggiungere la faccia della persona che tiene la motosega.

La catena del contraccolpo è meno pericolosa, ma non funziona bene come lo scalpello. Se siete alla ricerca di un buon compromesso, optate per il modello a semi-scalpello, che è abbastanza sicuro ed efficiente da dare buoni risultati.

L’uso che farete del dispositivo

Poi c’è la natura del lavoro a cui è destinato il dispositivo. Si tratta di potatura o di semplici lavori di manutenzione? Questo determinerà se si sceglie una sega a braccio o un modello a batteria. Allo stesso tempo, l’intensità del lavoro deve condizionare tutte le caratteristiche tecniche del modello scelto, cioè la potenza, la lunghezza della barra, la catena e molte altre. Ma soprattutto, la lunghezza della catena è in cima alla lista. Infatti, determinerà l’efficienza del taglio. Inoltre, usare una barra che non conosci è un grande pericolo. Ma la vostra sicurezza è fondamentale durante tutto l’utilizzo e dovete trovare la macchina che vi può offrire il massimo.

La praticità della motosega elettrica

Se il lavoro richiede molti spostamenti, ha senso cercare strumenti più leggeri e meno ingombranti. Senza trascurare, naturalmente, la sua capacità di fare bene il lavoro nonostante questo aspetto.

Infatti, la scelta del modello di motosega può essere fatta anche in base al luogo di lavoro. A questo scopo, le unità a batteria sono più pratiche per viaggiare nella foresta, lontano dalle prese di corrente. Tuttavia, se l’utente lavora in un’officina, le unità a batteria sono le più adatte. Ciò significa che l’alimentatore rimane collegato senza doversi preoccupare di ricaricare la batteria.

Motoseghe elettriche a batteriaECHO CS 620SX

Conosciuta anche come motosega elettrica a batteria, la motosega a batteria facilita il lavoro nei boschi. Il boscaiolo non ha più bisogno di uccidersi con un’ascia, un lavoro noioso che richiede molto più tempo che con le motoseghe. Poiché queste motoseghe sono mobili, sono alimentate da una batteria ricaricabile. Le batterie vanno tipicamente da 18 a 40 volt. Un notevole vantaggio di questo tipo di motosega elettrica è la sua facilità d’uso. Da questo punto di vista, sono silenziosi e non vibrano troppo. Questo permette di concentrarsi di più e di essere il più preciso possibile durante il lavoro. Questi vantaggi li rendono molto maneggevoli e precisi.

La manutenzione è il più semplice possibile. A tal fine, è necessario aggiungere regolarmente olio appositamente dedicato a questo scopo. La cosa più sicura da fare è scegliere un olio della stessa marca della motosega stessa. Si noti che è indispensabile che l’apparecchiatura sia lubrificata regolarmente. Altrimenti non durerà a lungo.

Per quanto riguarda l’inquinamento, le motoseghe elettriche a batteria sono ecologiche perché non consumano carburante. Pertanto, non hanno rifiuti tossici da evacuare tramite scarico. Nonostante i numerosi vantaggi di questo tipo di prodotti, ci sono tuttavia degli svantaggi come la potenza. Da questo punto di vista, sono più deboli di quelli alimentati in corrente continua. Inoltre, il carico massimo si esaurisce dopo 10 – 50 minuti di funzionamento. Pertanto, sono particolarmente adatti per le operazioni più piccole. Inoltre, c’è un palo per tagliare il legno in altezza.

Motosega elettrica sulla rete elettrica

La motosega elettrica è generalmente nota per essere una motosega elettrica a basso costo. La grande differenza è che, a differenza dei prodotti con batterie, sono più potenti e quindi più efficienti. Di conseguenza, sono più pratici per il lavoro di massa. Per lavorare con questo tipo di utensili, la soluzione ideale è quella di utilizzare una prolunga per avere una maggiore mobilità come con un dispositivo cordless. Con una motosega elettrica alimentata dalla rete elettrica, l’operaio, il giardiniere o il boscaiolo può lavorare per lunghe ore. Solo un’interruzione di corrente potrebbe interrompere le operazioni.

Si noti che le motoseghe alimentate dalla rete elettrica sono più robuste, ma più rumorose. Pertanto, è nell’interesse dell’utente utilizzare un casco per motosega quando si utilizza l’attrezzatura. Questo per ridurre o addirittura eliminare il filtraggio dei suoni forti nell’orecchio. Questo può causare danni interni molto gravi.

Ciò è particolarmente evidente quando l’uso è prolungato e ripetuto più volte. Le marche di motoseghe più famose della rete elettrica sono la motosega elettrica Bosch, la motosega Ryobi e la motosega Makita. Oltre alla qualità, sono anche convenienti e costano non più di 130 euro al pezzo. Ci sono anche quelli che costano meno di 90 €, ma che comunque danno buoni risultati per garantire un lavoro di alta qualità.

Ryobi 5133002186 RCS2340
In sintesi

Di fronte a tutti questi elementi da ricordare, i principianti rischiano di perdersi. Ecco alcuni consigli per aiutarvi a scegliere rapidamente il modello che vi serve. Innanzitutto, se volete acquistare un prodotto valido e affidabile, fidatevi del marchio. Bosch, Makita e Ryobi sono tra i favoriti indiscussi. In seguito, la scelta viene fatta facendo riferimento ad alcuni elementi. I principali sono:

  • Tipo e frequenza di utilizzo
  • Esperienza dell’utente
  • Il luogo in cui il dispositivo verrà utilizzato
  • Il budget

Una motosega elettrica a batteria a basso costo è particolarmente consigliata per i piccoli lavori, soprattutto nelle zone in cui non c’è elettricità. Tuttavia, se avete bisogno di molta potenza, questa opzione non è raccomandata. D’altra parte, la motosega elettrica a batteria è un po’ rumorosa, ma è molto efficiente perché è alimentata in modo diverso rispetto all’altro tipo di motosega.

L’abitudine dell’utente ad utilizzarlo dipende molto dall’orientamento della scelta degli accessori. Infine, un buon rapporto qualità-prezzo è un ottimo indicatore della scelta da fare. Le marche sopra menzionate offrono buone attrezzature ad un prezzo ragionevole e, soprattutto, giustificate dalla qualità di queste ultime.

Finché si ha un’idea chiara di questi criteri di base, il resto non è un grosso problema. In caso contrario, si possono incontrare diversi problemi che normalmente non si presentano.

La nostra classificaMakita UC4041A

Primo posto motosega ECHO CS 500 ES

Secondo posto motosega Ryobi 5133002186 RCS2340

Terzo posto motosega ECHO CS550

Quarto posto motosega SHINDAIWA 667

Quinto posto motosega Makita UC4041A